• CAF
  • Alioto
  • milauto
  • CAF 2
  • alioto farmacia
  • milauto

[pth_facelivevideos pageid="482197051952586" width="294" height="524"]

  • CAF Milazzo 1
  • Officine 1
  • Imm 004
  • Caf Milazzo 2
  • officine 2
  • Da Vinci

  • TIRONCINO

Cultura

Barcellona Pozzo di Gotto. Massimo Ranieri conquista il Teatro Mandanici

Poesia, talento, emozioni. Massimo Ranieri ha letteralmente catturato gli spettatori del Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto. Al suo ingresso sul palco, l'artista entra subito in sintonia con il pubblico. Un saluto, qualche battuta ed ecco che "Sogno e son desto... in viaggio" inizia. "Vent'anni" il primo pezzo eseguito, quello che segna l'avvio di una serata indimenticabile. Massimo Ranieri prende per mano il suo pubblico, lo conduce tra i vicoli della sua arte. Spazia da un genere all'altro, mettendo in scena tutta la sua straordinaria poliedricità di cantare, attore, ballerino. Ranieri canta e balla. Canta, balla e recita. Si passa dai sorrisi strappati in maniera accattivante, ai momenti di profondo sentimento. Come la recitazione del sonetto 75 di William Shakspeare e il ricordo del "maestro" Giorgio Strehler. L'artista racconta e si racconta, cambia "maschera", risponde al pubblico, scherza, gioca. Lo conduce fino ai suoi più grandi successi, amati in tutta la nazione come "Se bruciasse la città", "Erba di casa mia", "Rose rosse" e "Perdere l'amore". L'uscita di scena e un rientro richiesto a gran voce dal pubblico del "Teatro Mandanici". Ranieri torna in scena e riprende il suo spettacolo con una conclusione straordinaria non senza avere prima presentato la sua "squadra": Max Rosati (chitarra), Flavio Mazzocchi (pianoforte), Pierpaolo Ranieri (basso), Luca Trolli (batteria), Donato Sensini (fiati), Stefano Indino (fisarmonica).

Lo show scritto dallo stesso artista napoletano con Gualtiero Peirce ha cavalcato decenni di musica e teatro partenopeo e non solo. Con discrezione e straordinaria sensibilità, Massimo Ranieri ha onorato la memoria di Pino Daniele eseguendo il brano "Je so pazz". Splendido anche l'omaggio al "più grande chansonnier" di tutti i tempi, Charles Aznavour, cui l'artista ha svelato di avere regalato un ulivo, piccolo e forte come il cantautore franco - armeno. Meritatissimi applausi a scena aperta. Meritatissimo sold out. Massimo Ranieri non ha tradito le aspettative della vigilia. 

 

Benedetto Orti Tullo

Commenti offerti da CComment

REDAZIONE

Pippo Midili

Pippo Midili

Direttore responsabile
Gianfranco Pensavalli

Gianfranco Pensavalli

 
Fortunato Marino

Fortunato Marino

Gianpaolo Piccolo

Gianpaolo Piccolo

Reparto Sport
Simone Barbaro

Simone Barbaro

Rubriche
Francesco D'Amico

Francesco D'Amico

Fabio Piccolo

Fabio Piccolo

Rossella Trimarchi

Rossella Trimarchi

Milena Cascio

Milena Cascio

Gianni Fantoni

Gianni Fantoni

Web architect
Laura Sidoti

Laura Sidoti

Graphic Designer
Dario Massi

Dario Massi

Digital Strategist, SEO

 


© 2015 - 2016 - All rights reserved - Associazione "Il Diario Metropolitano"
Via Cumbo Borgia, 57 - 98057 Milazzo (Me) | Tel. 090 9282074 - CF/P.IVA 03392860833