• CAF
  • Alioto
  • milauto
  • CAF 2
  • alioto farmacia
  • milauto

[pth_facelivevideos pageid="482197051952586" width="294" height="524"]

  • CAF Milazzo 1
  • Officine 1
  • Imm 004
  • Caf Milazzo 2
  • officine 2
  • Da Vinci

  • TIRONCINO

Editoriale

AIA alla Raffineria di Milazzo. Partita sospesa per impraticabilità di campo.

La giornata ventosa aiuta Milazzo e buona parte della Valle del Mela a respirare meglio. Uno di quei giorni in cui, se rimani con gli occhi chiusi, pensi di stare veramente in un bel posto. Con occhi chiusi e naso libero, viaggiano i ricordi, quelli belli della giovinezza. Un mio caro Prof., caro per insegnamento ma anche per animo buono e con il quale condividevamo la passione calcistica, amava raccontare delle sue mirabolanti squadre, allenate sia in campi polverosi che in quelli dove già si giocava con erbetta ben curata. " Abbiamo giocato benissimo, una partita vera, maschia, giocata con intelligenza. Mica bruscolini. Abbiamo attaccato per oltre 80 minuti. Un palo e due traverse. Un dominio assoluto". Quasi sempre concludeva con " Un partitone". Ma il sorriso suo e degli astanti era pronto alla battuta finale. " Abbiamo perso tre a zero". Un classico, ed aggiungeva " ma tu non hai capito come"". Già. Proprio il ricordo che ci voleva per riuscire a spiegare bene cosa è successo con il rilascio dell'AIA alla Ram versione 2018. Mi è sembrato di sentire e leggere le stesse mirabilie di cui sopra. Stop al rilascio senza emissioni tagliate del 50%. Stop al rilascio per allarme sanitario nella zona. Ad ogni azione d'attacco il boato di applausi delle curve degli ultrà e di chi, tentando l'immane lotta di tutelare l'ambiente, aveva definito il Sindaco di Milazzo ed il Commissario di San Filippo del Mela , una sorta di Dybala - Higuain o Mertens- Insigne. Fatto raro, fatto unico. Pali e traverse che tremano, impresari, sindacalisti e vertici aziendali tutti riuniti per rimettere la partita su binari di parità. La supremazia dimostrata e dichiarata sembrava reale e la Raffineria quasi alle corde. Mancava solo il gol. Che è svanito improvvisamente a pochi minuti dalla fine.Quando un improvviso quanto incredibile capovolgimento di fronte ha portato la Raffineria a segno tre volte. Un partitone. Nel quale abbiamo perso tre a zero e non abbiamo capito come. Adesso tutti attendono di conoscere il contenuto dell'AIA e le relative prescrizioni e quindi in attesa si è deciso di sospendere la gara per impraticabilità del rettangolo di gioco. Con buona pace di tutti. Apprendiamo che il Comune di Milazzo e quello di San Filippo del Mela, unitamente ala Città Metropolitana hanno dichiarato di avere vinto perchè loro hanno sollevato l'allarme sanitario come mai prima era stato fatto ed hanno ottenuto...... un nuovo studio sullo stato di salute nella Valle del Mela. Che tanto, l'estate arriva e con essa le Feste del Patrono e le tante inziative che allieteranno le città dove una mano si dovrà pur chiederla. I sindacati che hanno mediato al tavolo della pace, hanno vinto perchè comunque la parola tagli è scomparsa dalle dichiarazione e la Raffineria ha vinto perchè farà esattamente quanto preventivato. Dimenticato qualcuno?. Si, vero. Quelli che tentano l'immane lotta di tutelare l'ambiente. Ecco, loro sono quelli che il mio caro Prof. avrebbe definito " quelli che non hanno capito come la partita sia finita 3-0". A tutti, Buona Pasqua. 

Commenti offerti da CComment

REDAZIONE

Pippo Midili

Pippo Midili

Direttore responsabile
Gianfranco Pensavalli

Gianfranco Pensavalli

 
Fortunato Marino

Fortunato Marino

Gianpaolo Piccolo

Gianpaolo Piccolo

Reparto Sport
Simone Barbaro

Simone Barbaro

Rubriche
Francesco D'Amico

Francesco D'Amico

Fabio Piccolo

Fabio Piccolo

Rossella Trimarchi

Rossella Trimarchi

Milena Cascio

Milena Cascio

Gianni Fantoni

Gianni Fantoni

Web architect
Laura Sidoti

Laura Sidoti

Graphic Designer
Dario Massi

Dario Massi

Digital Strategist, SEO

 


© 2015 - 2016 - All rights reserved - Associazione "Il Diario Metropolitano"
Via Cumbo Borgia, 57 - 98057 Milazzo (Me) | Tel. 090 9282074 - CF/P.IVA 03392860833